titolo-chi-siamo

LaCerasaFabriano5

La passione e l’entusiasmo mi hanno sempre spinto ad andare oltre e a curare i dettagli.

Il B&B La Cerasa nasce con un solo scopo: offrire e far conoscere la tranquillità e la pace delle “mie” verdi colline anche a chi è immerso nel caos cittadino. Dalle finestre delle camere, tutte dotate di bagno privato, riscaldamento, TV e rifinite con quadri su pareti colorate in una calda e famigliare atmosfera, nel silenzio della natura è possibile ammirare la bellezza del paesaggio interrotta esclusivamente dalla corsa di cerbiatti e lepri.

Permettervi di sorseggiare il primo caffè del mattino accompagnato da una ricca colazione con – su richiesta – degustazione di prodotti tipici locali (tagliere di salumi e formaggi), immersi in un’oasi di pace è il mio “Goal”. Ed è con questa passione che ricevo i miei Ospiti.

titolo-chi-siamo

immagine-laterale-storia

Il “B&B La Cerasa” nasce dal profondo legame con la mia terra e dal forte sentimento che mi ha sempre unito alla mia famiglia. Il nostro B&B è semplicemente la casa che mi ha dato i natali, all’epoca circondata esclusivamente da terreno agricolo. Lì ho trascorso la mia infanzia tra corse per i campi e giochi all’aria aperta. Ma il destino ha deciso finisse in fretta: a 12 anni ho perso mio padre, la mia unica sorella, dopo soli 6 mesi dalla morte di Babbo, decide di sposarsi e trasferirsi a Roma. Io, 12 anni e mia mamma 40 anni senza lavoro e patente a gestire quello che ci era stato lasciato: la nostra fattoria. Sacrifici, difficoltà ma non molliamo!

Mi sposo e decidiamo di trasferirci in città (è più comodo): viviamo in un appartamento per 10 anni, ma è davvero troppo “stretto” per uno che ama vivere in libertà. Comincia così la lunga ristrutturazione del casolare di campagna – quello di Babbo – adattandomi a tutto: divento muratore, falegname, elettricista etc… Nel 2006 parte l’idea di destinare una piccola parte della fattoria ad un B&B ma ancora una volta il destino mi riservava una difficile e lunga prova: alla mia adorata moglie viene diagnosticato il “male”, battaglia che abbiamo combattuto ferocemente ma persa.

Il B&B rimane un vecchio sogno chiuso nel cassetto… Il mio lavoro mi costringe a girare l’Italia – ma non solo – e durante una trasferta “milanese” conosco Laura: obbligato a collaborare con questa donna “Milanese”, mi impongo di prendere le distanze … ma non è così! Nasce un bel feeling, ci frequentiamo e ci accorgiamo di dividere molti interessi. Parliamo del mio vecchio sogno – il B&B , il casolare di “Babbo”– e mi esorta a non rinunciare: riapro quel cassetto chiuso per troppo tempo e che sapeva di naftalina. Due anni più tardi i primi graditi Ospiti … ed il resto è storia nota!